Loading

giovedì 13 aprile 2017

L'ammore secondo lo zio Albert... o no?

Tempo fa dedicai un post ad alcune citazioni di Albert Einstein, mentre all'inizio di quest'anno mi sono occupata di sfuggita di un paio di aforismi farlocchi attribuiti per scherzo al grande fisico tedesco. Oggi riprendo il tema delle false attribuzioni prendendo spunto da questo video, basato su una lettera che l'ideatore della teoria della relatività avrebbe scritto alla figlia Lieserl per spiegarle a modo suo cos'è l'amore. In realtà a quanto pare si tratta di un falso, anche se fatto bene. (?)
Wikiquote dedica una sezione alle citazioni attribuite ad Albert Einstein ma prive di un riscontro attendibile...
Ci sono solo due modi di vivere la propria vita: uno come se niente fosse un miracolo; l'altro come se tutto fosse un miracolo.
Descrivere ogni cosa in modo scientifico sarebbe possibile, ma assurdo. Non avrebbe senso, sarebbe come descrivere una sinfonia di Beethoven in base alla variazione della pressione dell'onda.
Quando un uomo siede due ore in compagnia di una bella ragazza, sembra sia passato un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa per un minuto e gli sembrerà che siano passate due ore. Questa è la relatività.
Se non posso disegnarlo, non posso capirlo.
Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima.
Uno stomaco vuoto non è un buon consigliere politico.
... e un'altra a quelle apertamente errate (anche se alcune di esse Einstein le ha effettivamente citate).
Follia è fare sempre la stessa cosa ed aspettarsi risultati diversi.
L'istruzione è ciò che rimane dopo che si è dimenticato tutto ciò che si era imparato a scuola.
La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.
Niente aumenterà le possibilità di sopravvivenza della vita sulla Terra quanto l'evoluzione verso un'alimentazione vegetariana.
Non tutto quel che conta può essere contato e non tutto quello che può essere contato conta.
Non so con quali armi si combatterà la Terza guerra mondiale, ma posso dirvi cosa useranno nella quarta: pietre!
Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita.
Solo coloro che tentano cose assurde possono raggiungere l'impossibile.
Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti.
Usiamo solo il 10% del nostro cervello.
[L'immagine che apre il post, nella quale Einstein in persona ;-) afferma «Non ho mai detto la metà delle cose che la gente sostiene che ho detto», è tratta da quickmeme]

Nessun commento:

Posta un commento