Loading

mercoledì 22 febbraio 2017

Un curioso decalogo

Stasera sono un po' stanchina, per cui mi limiterò a condividere la traduzione di un simpatico "decalogo" che ho trovato sulla pagina Facebook Sun Gazing.

Cose di cui mi rendo conto man mano che invecchio:
  1. Parlo con me stesso, perché a volte ho bisogno del consiglio di un esperto.
  2. A volte alzo gli occhi al cielo ad alta voce. [Questa non è proprio immediata da tradurre... ma credo che così renda abbastanza bene l'idea! NdC]
  3. Non ho bisogno della gestione della rabbia, ho bisogno che la gente la smetta di farmi inc***are.
  4. Le mie abilità relazionali sono più che buone. È sulla mia tolleranza degli idioti che dovrei lavorare.
  5. La più grande bugia che dico a me stesso è «Non ho bisogno di scriverlo, me lo ricordo».
  6. Quando ero bambino pensavo che l'ora del sonnellino fosse una punizione. Adesso è come una piccola vacanza.
  7. Il giorno in cui nel mondo finirà il vino è un'idea davvero troppo terribile a cui pensare.
  8. Neppure il nastro adesivo può aggiustare gli stupidi, ma può attutire il suono.
  9. Non sarebbe bello se potessimo infilarci nell'asciugatrice per dieci minuti, uscirne senza rughe e più piccoli di tre taglie?
  10. Avere fortuna [toh, ho appena scoperto che in inglese get lucky vuol dire, ehm, anche un'altra cosa, NdC] significa entrare in una stanza e ricordare il motivo per cui mi trovo lì.
La 7 mi pare francamente eccessiva – per quanto mi riguarda, sono altri i "generi di conforto" che temo possano esaurirsi ;-) – e la 8 mi sa che non l'ho capita granché... ma le altre le trovo azzeccatissime, soprattutto la 3, la 5 e la 10!

Nessun commento:

Posta un commento