Loading

giovedì 21 luglio 2016

Le grandi battaglie per la salute dei cittadini

La sottoscritta, che del MoVimento 5 Stelle si è occupata più volte con toni variamente critici, torna a farlo dopo aver scoperto dalla bacheca Facebook di Enrico Sola aka Suzukimaruti, torinese, che la giunta di Chiara Appendino, la neo-sindaca pentastellata del capoluogo piemontese, ha inaugurato il suo mandato inserendo nelle linee programmatiche almeno un paio di provvedimenti un tantino discutibili:
Poiché si tratta di temi abbastanza controversi, complessi e sfaccettati, preferisco evitare di impelagarmi nell'esposizione delle mie opinioni personali al riguardo, e mi limito ad invitarti a leggere gli status di Enrico, in calce ai quali si è aperta una discussione interessante.
Ho trovato inoltre notevole, a tal punto da decidere di riportarlo per intero, questo status di Marco Beccaria.
Io, sulla questione della promozione del vegetarianesimo e del veganesimo annunciata dalla nuova giunta 5 Stelle di Torino, ho un’unica opinione: finalmente. Che i 5 Stelle al governo (ora di alcune importanti città, domani forse del paese) facciano scelte politiche nette è solo un bene per tutti. Che i nodi vengano al pettine, così che i loro consensi, ottenuti finora su una pappa di suggestioni prepolitiche molto spesso platealmente contraddittorie, siano raccolti tra chi condivide le loro idee finalmente palesate. Quindi ben vengano il sostegno al veganesimo e la lotta al consumo di carne, ben venga il contrasto alla GDO a favore dei piccoli negozi di quartiere, ben vengano le parole a sostegno delle forze dell’ordine in relazione alle vicende della Tav, ben venga - per passare da Torino a Roma - la riammissione, nelle piazze monumentali e turistiche, dei camion dei Tredicine, ben venga tutto questo. La prossima volta sarà chiaro a tutti di quali *interessi politici* i 5 Stelle sono portatori e di quali sono avversari, e tutti si regoleranno di conseguenza nel dare il loro voto.

Nessun commento:

Posta un commento