Loading

lunedì 21 luglio 2014

Anche se qualcuno non ci crede... sì, ci siamo andati!

Ieri il protagonista del Web nostrano è stato, suo malgrado, Carlo Sibilia. Il deputato del M5S, le cui gesta sono state riepilogate qui da Wil di Nonleggerlo, ha pensato bene di celebrare il quarantacinquesimo anniversario del primo sbarco sulla Luna con questo tweet:
Oggi si festeggia anniversario sbarco sulla #luna. Dopo 43 anni ancora nessuno se la sente di dire che era una farsa...
(Altro che nessuno... In giro ce n'è fin troppa, di gente pronta a sostenere una teoria così bislacca! E poi sbagli pure l'anno, ma dico io...)
La voce di questa perla complottista si è subito sparsa a macchia d'olio, e non appena l'ho vista segnalata non ricordo da chi ho subito pensato «Paolo Attivissimo, aiutaci tu!»: per chi non lo sapesse, il Disinformatico ha lavorato a un documentario (Moonscape) che ricostruisce la missione Apollo 11 e a un libro (Luna? Sì, ci siamo andati!) che smonta le tesi complottiste secondo le quali sarebbe stata tutta una messinscena ricostruita in qualche studio cinematografico. Stavo per avvisare @disinformatico con un tweet, quando ho scoperto che l'aveva già fatto qualcun altro, e lui aveva anche risposto:
Poi s'arrabbiano quando dico che il M5S è calamita per complottisti e ottusi (via @Mapez_94) @carlosibilia pic.twitter.com/42zajUSgMW
Oltre a Paolo Attivissimo, migliaia di utenti del Web hanno messo alla berlina il complottismo di Sibilia. Il quale, per tutta risposta...
Scusate. Rettifico. Siamo andati sulla luna, #Berlusconi è onesto, la riforma del senato è cosa buona e giusta e Repubblica è un giornale.
Ma insomma, fai pure lo spiritoso?!?!? :-O
Vabbè, mi tiro su il morale ammirando su Scienze Fanpage uno splendido collage di fotografie che sfruttano la tecnica della prospettiva forzata per mostrare un illusorio incontro ravvicinato tra l'uomo e la luna, corredato da una bella citazione attribuita a François Mauriac:
È inutile per l'uomo conquistare la Luna, se arriva a perdere la Terra.

Nessun commento:

Posta un commento