Loading

mercoledì 20 gennaio 2016

La verità è che nessuno ti regala niente

Sono almeno quattro anni che utilizzo la popolare app di messaggistica WhatsApp, e finora, anche se rinnovando per più anni avrei potuto risparmiare qualche spicciolo, ho sempre preferito il rinnovo annuale perché speravo che pian piano Telegram prendesse piede a tal punto da consentirmi di rinunciare una volta per tutte a WhatsApp. In effetti c'è un solo reale motivo per cui WhatsApp è preferibile a Telegram: ecco quale! (via Ricky Delli Paoli)


900 milioni di utenti attivi al mese... che presto diventeranno molti di più: sì, perché l'altroieri si è saputo che anche WhatsApp era sul punto di divenire gratis per sempre. Detto, fatto: a me la notifica è arrivata questa mattina...


[e nel mio caso non c'è stato nessun dietrofront! ;-)]
Selezionando ImpostazioniAccountInfo pagamento, ecco cosa mi appare.


[Cliccando su Perché non vendiamo pubblicità si accede a questa pagina]
In tanti hanno esultato per l'inatteso "regalo", come il Llib della vignetta qui accanto, alter ego stupido di Bill. E già, magari si tratta delle stesse persone che spendono centinaia di euro per l'ultimo modello di smartphone senza battere ciglio, ma reputavano un esborso inaccettabile investire ottantanove centesimi all'anno per un'app che consente di mandare messaggi, e da qualche tempo fare anche chiamate voce di buona qualità, completamente gratis. Al riguardo io la penso come Rudy Bandiera.
#‎WhatsApp‬ diventa gratis, per tutti e senza condizioni. Lo ha detto Jan Koum, fondatore del gingillo verde con oltre 900 milioni di utenti attivi al mese.
Mi dispiace: giuro. Mi dispiace perché mi piaceva il vecchio sistema di "pagare un servizio" senza dover stare a pensare "ma questi come guadagnano?".
Mi piaceva l'idea di non vendere i miei dati e le mie chat ma di comprare un prodotto con i miei soldi.
Mi piaceva il metodo del micro-pagamento annuale.
Sono contento per una cosa però: finalmente i lamentoni polemici del "però non è giusto" smetteranno d rompere i maroni. Si ragazzi, adesso è gratis: il prodotto siete DEFINITIVAAMENTE voi.
Un punto di vista analogo è stato sviluppato in maniera un po' più approfondita da Massimo Cappanera.
[La "colonna sonora" di questo post è di Biagio Antonacci, che mi ha ispirato il titolo]

2 commenti:

  1. Il mio whatsapp è sempre stato gratis, dal ... 2013 credo ... su piattaforma IOS

    RispondiElimina
  2. Com'è possibile?! Leggevo che è sempre stato gratis per gli early adopter, e io sono much earlier than you... ;-)

    RispondiElimina