Loading

mercoledì 18 gennaio 2017

Procurati allarmi

Rispetto a tutte le calamità che stanno affliggendo in questi giorni l'Abruzzo – alle abbondanti nevicate che hanno lasciato interi paesi senza corrente elettrica e ai diluvi talmente forti da allagare le strade di Pescara si è aggiunta oggi una sequenza di scosse sismiche di un'intensità tale da sconcertare gli stessi sismologi – l'esondazione del fiume Pescara è tutto sommato la meno grave, ma mi offre lo spunto per parlare della facilità con cui circolano le bufale. Oggi, verso mezzogiorno e mezzo, una persona ha inviato a un gruppo WhatsApp di cui faccio parte il messaggio seguente:
Sindaco di Pescara(vale anche per la città di Montesilvano):
A causa dell'esondazione del fiume Pescara l'acqua verrà chiusa a causa di una probabile contaminazione delle falde,si raccomanda di riempire più bottiglie possibili per non rimanerne senza.
Mentre cercavo conferme o smentite sulla fondatezza di questo avviso che comunque mi puzzava di bufala – raccomandano di fare scorta d'acqua potenzialmente contaminata?! Giusto per le pulizie di casa si può usare, non certo per bere o cucinare... – sulla pagina Facebook del Comune di Pescara è stato pubblicato il post seguente:
ATTENZIONE AGLI AVVISI FALSI: L'EROGAZIONE ACQUA NON è INTERROTTA [Quasi quasi vado a fargli lezione sul modo in cui si digitano le maiuscole accentate, NdC]
Il sindaco non ha mai chiesto di fare scorte [nella prima versione c'era scritto sporte, ma vabbè ;-) NdC] di acqua
Non c'è alcuna necessità di fare scorte di acqua, né l'erogazione dell'acqua è stata sospesa, Né CI SONO CONTAMINAZIONI A CAUSA DELL'ESONDAZIONE DEL FIUME. Il sindaco non lo ha mai dichiarato
"Anche oggi qualcuno si diverte a diffondere notizie che non hanno fondamento ma solo di aumentare emotività e agitazione - dichiamra [sic] il sindaco Marco Alessandrini - Vi invito a tenere fede a notizie certe, ad attingerle direttamente dalle fonti ufficiali, noi diamo aggiornamenti in tempo reale e provvederemo a rivolgerci alle autorità per chI diffonde allarmi inno trovati [immotivati, forse? NdC] alla popolazione".
Un altro avviso infondato che è andato in giro oggi è questo:
Avviso, dieci minuti fa hanno aperto la diga di Piani d'Orta sul Pescara. [In realtà era la diga di Penne che è stata aperta, NdC] Piena in arrivo. Evitate Megalò e ovviamente Pescara...
Chi l'ha condiviso afferma di aver chiamato i carabinieri delle località limitrofe e anche i municipi per avere conferma della veridicità della notizia e, non avendo ricevuto risposta, per sua stessa ammissione «Nel dubbio ho condiviso». Tanto che vuoi che sia, un po' di procurato allarme?!

Nessun commento:

Posta un commento