Loading

mercoledì 11 gennaio 2017

Non cuori, ma opere di bene

Sarà un paio di giorni che un buon numero di utenti Facebook, soprattutto donne, pubblica status contenenti nient'altro che un cuoricino; in genere si tratta di una semplice emoticon, anche se alcune osano un'immagine più grande. Ho scoperto che lo fanno per un buon motivo... ma in passato per lo stesso motivo si scrivevano post un minimo più articolati, anche se spesso con poco senso; li leggevi, poi magari domandavi spiegazioni a chi li aveva pubblicati, e loro rispondevano che era un modo per aderire a una campagna per la prevenzione del cancro al seno. Invece stavolta solo un cuoricino, che può significare qualsiasi cosa e ha un alto rischio di essere ignorato. Caterina Policaro aka catepol ha contribuito a modo suo all'iniziativa pubblicando questo status...


... contenente il link alla pagina del sito dell'AIRC dedicata alla prevenzione del cancro al seno, dalla quale è anche possibile fare una donazione alla ricerca, che non guasta di certo.
Violeta Ostetrica ha condiviso un link alle istruzioni su come eseguire l'autopalpazione del seno per individuare tempestivamente possibili anomalie: il primo passo per una corretta prevenzione.


Il professor Guido Saraceni ha preso anch'egli le distanze da questo tipo di giochini, limitandosi a ribadire l'invito a farsi controllare periodicamente il seno. Poi vabbè, alla fine ce l'ha messo pure lui il cuoricino... ma è fatto così, non rinuncia mai a un pizzico d'ironia! :-)


In qualche caso la catena ha raggiunto il suo scopo. Peccato che Ciro sia un maschietto, e non so mica se gliela farebbero, la mammografia! ;-) (per quanto io conosca uomini con le tette più grosse delle mie)


Su consiglio della mia ginecologa io la mammografia l'ho fatta l'anno scorso – da ripetere ogni due anni, alternandole con le ecografie – e l'ho fatta a pagamento in uno studio privato, per dire. Purtroppo, come osserva Anna Pacifica Colasacco, se prenoti con la mutua i tempi d'attesa sono inaccettabili, e tutto questo "grazie" ai famigerati tagli alla sanità...

Nessun commento:

Posta un commento