Loading

martedì 24 febbraio 2015

Quale segreto si nasconde nel passato di Bruno?

Una bambina scomparsa. Una lettera dal passato. Un cronista troppo curioso. Nella rete del più insospettabile e spietato degli assassini.
Meno sette: il 3 marzo prossimo, ovvero tra una settimana esatta – anche se è già prenotabile su Amazon – sarà finalmente in vendita in tutte le librerie, oltre che in e-book, Il passato è una bestia feroce, scritto dal divulgatore e saggista Massimo Polidoro ed edito da Piemme. Ieri l'autore ha messo a disposizione di tutti i lettori del suo blog, con qualche giorno di ritardo rispetto agli iscritti alla sua newsletter, l'e-book con le prime pagine del libro, scaricabile gratuitamente in vari formati. Se lo leggerai, sii consapevole di farlo a tuo rischio e pericolo: scommetto che, dopo aver terminato quell'assaggino, non resisterai alla tentazione di divorare il prima possibile anche il resto delle oltre quattrocento pagine! :-)
Nel video qua sotto Massimo in persona confessa che questo suo primo thriller, portato a termine dopo alcuni anni di preparazione e documentazione, è il libro che ha sempre sognato di scrivere, in quanto comprende alcuni elementi capaci di imprimerlo a lungo nel cuore e nella mente del lettore: personaggi ai quali è facile affezionarsi, un enigma che inizialmente pare insolubile per poi dipanarsi sul finale attraverso una serie di colpi di scena sorprendenti ma del tutto plausibili, situazioni ad alta tensione tali da lasciare col fiato sospeso... e da costringere ad accelerare la lettura per scoprire al più presto come andrà a finire!



La sottoscritta, che ha avuto il piacere di poter leggere il romanzo in anteprima essendo stata selezionata fra i cento privilegiati ammessi alla squadra di lancio, si sente di escludere categoricamente che si tratti del punto di vista in qualche modo distorto dell'autore – per la serie «Ogni scarrafone è bello a mamma soja» – o di un discorsetto confezionato con pure finalità di marketing: Il passato è una bestia feroce ha scatenato in me una formidabile ridda di emozioni, dalla paura alla commozione, dall'ansia al dolore – qualcosa che nessun altro libro mi aveva mai suscitato con tanta intensità, semmai giusto qualche film – tali per cui mi permetto di consigliarne la lettura a chiunque. Tornerò di certo sull'argomento quando avrò ultimato una seconda e più attenta rilettura: la prima volta ero talmente presa dalla storia e dalla fretta di scoprire come sarebbe andata a finire che non ho avuto modo di cogliere tutte le sfumature, né di prendere appunti o evidenziare i passaggi salienti...
Di nuovo Massimo Polidoro, nel video qua sotto, riassume la premessa della vicenda narrata.


Nel 1982 una bambina scompare. E oggi, a oltre trent'anni di distanza, Bruno Jordan, cronista di successo e un tempo amico della bambina, riceve una lettera che lei gli aveva spedito il giorno della sua scomparsa. Quella lettera spinge Jordan a indagare per scoprire che fine ha fatto l'amica, ma più va a fondo e più quello che scopre si fa spaventoso, facendogli capire troppo tardi che il passato è come una bestia feroce che forse sarebbe meglio non risvegliare.
Ma io credo che il modo migliore per immergerti fin da subito nelle atmosfere del romanzo sia goderti il booktrailer, caricato proprio ieri da Massimo sul suo canale YouTube.


E tu, non sei attanagliato dall'irresistibile curiosità di sapere cosa mai sarà capitato alla povera ragazzina? Se sì, sai già cosa devi fare... :-)
P.S.: Una chicca fresca fresca: chiunque parteciperà agli incontri di presentazione del libro – purtroppo al momento il calendario esclude il centro-sud-isole, ma ci stiamo lavorando... ;-) – riceverà in omaggio un e-book esclusivo di Massimo Polidoro: Le chiavi del brivido. Con le 13 regole per il thriller perfetto. Un'opportunità da non perdere!

Nessun commento:

Posta un commento