Loading

giovedì 26 febbraio 2015

Dolce dormire

Ecco una manciata di citazioni sul sonno e sul dormire tratte da Wikiquote...
A che serve dormire, se non si è capaci di sognare? (Lamù)
Che cos'è l'insonnia se non la maniaca ostinazione della nostra mente a fabbricare pensieri, ragionamenti, sillogismi e definizioni tutte sue, il suo rifiuto di abdicare di fronte alla divina incoscienza degli occhi chiusi o alla saggia follia dei sogni? (Marguerite Yourcenar)
Dio benedica chi ha inventato il sonno, mantello che avvolge i pensieri di tutti gli uomini, cibo che soddisfa ogni fame, peso che equilibra le bilance e accomuna il mandriano al re, lo stolto al saggio. (Miguel de Cervantes)
È 'l sonno, ozio de l'alme, oblio de' mali. (Torquato Tasso)
La vita è un male a cui il sonno dà sollievo per otto ore al giorno. (Nicolas de Chamfort)
Il sesso è come il sonno. Non se ne può fare a meno, ma uno non passa tutta la vita a letto. (Evan Hunter)
Il sonno è come gli uomini: amico dei felici, s'allontana da chi soffre. (Guido Milanesi)
Ma il sonno è una divinità capricciosa e proprio quando lo si invoca, si fa aspettare. (Alexandre Dumas padre)
Ebbene sì, fin da quando ero bambina il sonno è sempre stato per me il più grande dei piaceri; poi crescendo ne ho scoperti anche altri, non meno gradevoli... ma magari non altrettanto essenziali: ebbene sì, dormire poco può far male, eccome! Purtroppo è da qualche tempo, complici stress, preoccupazioni e quant'altro, che non riesco a concedermi una nottata di sonno davvero ristoratore, e ciò si ripercuote negativamente sul mio umore nelle ore di veglia, quelle in cui dovrei essere al top della forma fisica, mentale ed emotiva: un circolo vizioso, in pratica. E non sempre mi è possibile abbandonarmi nell'unico posto al mondo in cui mi sento davvero al sicuro, senza dover temere nulla e nessuno: tra le braccia dell'uomo che amo... <3
In attesa di trovare il tempo per andare a parlare dei miei problemi di insonnia col mio medico, che spero saprà consigliarmi un rimedio efficace e senza (troppi) effetti collaterali, mi svago un pochino condividendo alcune vignette tratte dall'album I dormiglioni di Pietro Vanessi. Anche se al suono della sveglia il senso del dovere mi impedisce di attardarmi a poltrire – e infatti mi alzo entro un paio di minuti, salvo poi aggirarmi per casa a lungo vispa come uno zombie ;-) – le ho trovate piuttosto divertenti! :-D
Scuse assortite per rimandare il distacco dal materasso...

 
... e per procrastinare in generale...


... senza dimenticare qualche rapido accenno a tematiche spirituali! ;-)

 

Nessun commento:

Posta un commento