Loading

venerdì 9 gennaio 2015

A lezione dallo zio Albert

Ai tempi dell'università, sulla parete della mia stanzetta era appesa una copia del poster che puoi vedere qui accanto. Ebbene sì, l'ho sempre considerato un mito, Albert Einstein, che mi permetto di chiamare affettuosamente zio Albert (cit. Luca Novelli): non soltanto per il fondamentale contributo da lui portato alla fisica moderna – ammetto che, E = mc2 a parte, il tempo ha eroso gran parte delle nozioni che avevo incamerato riguardo alla teoria della relatività – ma anche per certe sue perle di saggezza, le quali dimostrano che il suo spirito era in grado di spaziare con disinvoltura tra i vari campi dello scibile umano. Una gran quantità di sue citazioni si può trovare nella versione italiana di Wikiquote e ancora di più in quella inglese... comunque chi dovesse avere proprio molta fretta potrebbe accontentarsi delle sue 25 lezioni di vita – ma saranno davvero farina del suo sacco? Oramai riguardo all'attribuzione delle citazioni pubblicate online sono divenuta alquanto scettica... ;-) – selezionate da The Mind Unleashed (La mente liberata), e delle quali riporto la traduzione qui di seguito.
  1. La crescita intellettuale dovrebbe cominciare alla nascita e cessare soltanto con la morte.
  2. Ciascuno dovrebbe essere rispettato come individuo, ma nessuno idolatrato.
  3. Non fare mai nulla contro coscienza, anche se lo ordina lo Stato.
  4. Se le persone sono buone solamente perché temono una punizione o sperano in un premio, allora c'è ben poca speranza per l'umanità.
  5. La perfezione dei mezzi e la confusione dei fini sembrano essere il nostro problema principale.
  6. L'amore è un insegnante migliore rispetto al dovere.
  7. Se non lo sai spiegare in modo semplice, allora non lo capisci abbastanza bene.
  8. Nessun problema può essere risolto dallo stesso livello di coscienza che lo ha creato.
  9. Follia: fare la stessa cosa più e più volte aspettandosi risultati differenti.
  10. Imparare da ieri, vivere per l'oggi, sperare per il domani.
  11. È divenuto terribilmente ovvio che la nostra tecnologia ha superato la nostra umanità.
  12. Tutto ciò che può essere contato non necessariamente conta; tutto ciò che conta non necessariamente può essere contato.
  13. La forza attira sempre gli uomini di scarsa moralità.
  14. Tutto dovrebbe essere reso il più semplice possibile, ma non più semplice.
  15. Un uomo dovrebbe cercare ciò che è, e non ciò che pensa che dovrebbe essere.
  16. Ogni uomo che legge troppo e usa il suo cervello troppo poco acquisisce abitudini di pensiero pigre.
  17. Una persona che non ha mai commesso un errore non ha mai provato nulla di nuovo.
  18. È l'arte suprema dell'insegnante, quella di risvegliare la gioia dell'espressione creativa e della conoscenza.
  19. Chi non prende sul serio la verità nelle piccole cose non può essere degno di fiducia in quelle grandi.
  20. I grandi spiriti hanno sempre incontrato una violenta opposizione da parte delle menti mediocri.
  21. L'educazione è quello che rimane dopo che uno ha dimenticato quello che ha imparato a scuola.
  22. La logica ti porterà da A a B. L'immaginazione ti porterà ovunque.
  23. La rabbia dimora solo in seno agli stolti.
  24. L'informazione non è conoscenza.
  25. Non perdere mai una sacra curiosità.
Sebbene il titolo di questo blog non rappresenti di certo la mia personalità al 100%, è inutile dire che la sottoscritta trova la 25 alquanto stuzzicante... ;-)

Nessun commento:

Posta un commento