Loading

venerdì 26 maggio 2017

Occhio allo stalking di Twitter

Stasera prendo spunto da un post pubblicato proprio oggi da Paolo Attivissimo: Twitter, come difendersi dal monitoraggio pubblicitario e dalla localizzazione.
Partendo dalle istruzioni del Disinformatico relative all'app di Twitter e adattandole opportunamente alla versione web del social cinguettante, ho scoperto parecchie cose piuttosto inaspettate riguardo al mio account.
Ho selezionato dall'apposito menu a discesa Impostazioni e privacy...


... nella pagina https://twitter.com/settings/account ho poi cliccato su I tuoi dati di Twitter...



... e dopo aver inserito la password per conferma mi si è aperta la pagina https://twitter.com/settings/your_twitter_data nella quale ho trovato un sacco di informazioni interessanti.
In particolare, alla voce Tailored audience (se non avete saputo/voluto tradurla voi, perché mai dovrei sforzarmi di farlo io?), ho scoperto di far parte di ben 2062 pubblici di 836 inserzionisti.


E chi sarebbero 'sti inserzionisti?! Ho richiesto la lista, che ho ricevuto poco dopo via e-mail in formato PDF, e mi sono trovata davanti una sfilza di account Twitter la maggior parte dei quali non mi diceva un accidente.
Ma le scoperte più curiose le ho fatte spulciando «gli interessi che corrispondono a te in base al tuo profilo e alle tue attività», in altre parole dedotti a partire dai contenuti dei miei tweet. Twitter ne ha individuati ben 69, la maggior parte dei quali a dire il vero era abbastanza azzeccata... comunque ho provveduto a rimuovere il segno di spunta accanto alle voci meno attinenti.


Alla voce Posti in cui sei stato ho trovato registrate quattro località, che ho prontamente rimosso.
Chi desidera sottrarsi il più possibile a questo genere di sorveglianza con fini di pubblicità mirata non deve far altro che seguire le semplici istruzioni esposte da Paolo Attivissimo nel suo post.

Nessun commento:

Posta un commento