Loading

venerdì 17 marzo 2017

Poi dice che li rapinano!


Nel programma della BBC Tracey Ullman's Show di recente è andato in onda lo sketch comico qui sotto. Vi compare un uomo che va dalla polizia per denunciare di essere stato rapinato.


Ed ecco la traduzione del dialogo.
Poliziotta: [Porge un tè all'uomo] Ecco il suo tè. Si sente un po' meglio?
Uomo: Non proprio, no.
Poliziotta: Ok, bene, può descrivere l'uomo che l'ha rapinato?
Uomo: Era alto circa un metro e ottanta, capelli corti scuri, mi ha puntato un coltello alla gola e ha voluto il telefono e l'orologio.
Poliziotta: E lei era vestito com'è vestito adesso?
Uomo: Prego?
Poliziotta: È questo quello che indossava quando è accaduto?
Uomo: Uhm, sì. Ma...
Poliziotta: Sembra ostentare la sua ricchezza.
Uomo: Guardi, non riesco a capire in che modo quello che indosso abbia qualche...
Poliziotta: Beh, è un po' come se fosse un invito, non è vero? Come se si stesse facendo pubblicità.
Uomo: Guardi.
Poliziotta: Sembra in difficoltà. Voglio far entrare una nostra consulente. [Entra la consulente] Questo signore è un po' scioccato. Prima è stato rapinato.
Consulente: Oh, povero. Aveva bevuto?
Poliziotta: Sì, perché se avesse bevuto potrebbe aver inviato segnali confusi. Attiro qualcuno con il bel vestito e il telefono, e poi all'ultimo momento dico «Non voglio essere rapinato».
Uomo: Mi ha puntato un coltello alla gola e ha voluto le mie cose.
Poliziotta: E lei gliele ha date e basta?
Consulente: Non ha nemmeno urlato?
Poliziotta: Vede, come si fa a sapere che a lei non piace consegnare le sue cose se non chiarisce le sue intenzioni?
Uomo: No, non ho urlato. Aveva un coltello! Ero davvero terrorizzato!
Poliziotta: E noi siamo solidali con lei, ma temo che dovrà prendersi una parte di responsabilità per questo.
[Ho omesso l'ultima parte, nella quale viene introdotto un argomento diverso, perché non l'ho trovata granché interessante]
Sembra proprio assurdo, vero? Il fatto è che la situazione rispecchia fedelmente quello che troppo spesso si sentono dire – da uomini, ma non solo – le donne che denunciano uno stupro subito. Magari un pochino te la sei andata a cercare, eri vestita in modo sexy, essendo un tantino brilla devi aver lanciato segnali seduttivi al tuo aggressore, come faceva lui a capire che non ci stavi? Malgrado le risate registrate di sottofondo, lo sketch – che ricorda parecchio una battuta che citai a suo tempo – suscita riflessioni serissime.
A proposito, di recente ho visto un video che presenta dei mutandoni per così dire "antistupro". Niente a che vedere con la biancheria intima tutt'altro che provocante a cui alludono battute e vignette per nulla divertenti: si tratta di calzoncini realizzati con un materiale molto resistente, nonché dotati di una particolare chiusura che richiede specifiche manovre per poter essere aperta, il che li rende pressoché impossibili da togliere senza la collaborazione di chi li indossa. In un mondo perfetto non ci sarebbe nemmeno bisogno di immaginarla, un'invenzione del genere (che personalmente non mi va neanche di pensare in quali circostanze andrebbe indossata)... ma finché esisteranno maschi incapaci di dominare i loro istinti più selvaggi, bisognerà continuare a fare i conti con questa triste realtà.

Nessun commento:

Posta un commento