Loading

giovedì 31 dicembre 2015

Addio 2015, a mai più rivederci!

San Silvestro è il momento dell'anno in cui tradizionalmente si compila il bilancio esistenziale dei dodici mesi appena trascorsi e si formulano i buoni propositi per l'anno nuovo. Finché campo ricorderò il 2015 soprattutto come l'anno in cui ho perduto il mio papà... :'-( ma in questa triste circostanza ho potuto contare sul fondamentale sostegno del mio amore, grazie al quale ho più che mai voglia di pensare al futuro. <3
Chiudendo la breve ma per me imprescindibile parentesi personale, vediamo come l'anno che sta per concludersi è stato riepilogato nelle forme più disparate.
Questa immagine schematizza i tormentoni del web nel 2015: li riconosci proprio tutti? Ehm, io no... ;-)


In tre minuti e mezzo di video, gli Us The Duo hanno condensato un riassunto canoro delle hit del 2015.


Davvero bravi: non è certo colpa loro se l'unico brano che ho riconosciuto a colpo sicuro è stato il primo, il tormentone Hello di Adele. [Vecchia Bacucca Mode ON] Più passa il tempo e più trovo la musica leggera di oggi i-na-scol-ta-bi-le, signora mia... [Vecchia Bacucca Mode OFF] ;-)
Sempre a proposito di video, Google Italy Blog ha elencato i più popolari dell'anno in Italia su YouTube. Lasciando perdere quelli musicali – vedi sopra ;-) – mi sono guardata tutti quelli dell'altra top ten che non conoscevo, scoprendo una webstar che finora non mi era mai capitato di vedere all'opera, Favij... e, sarà che sono anzYana, ma posso dire che non mi capacito dell'enorme seguito che riscuote?! :-O Invece mi ha colpito moltissimo – e non poteva essere altrimenti – il video qua sotto, in cui la ventenne Greta disegna la sua giovane vita: l'ho trovato naturale, leggero e incredibilmente commovente al tempo stesso.



Anche se fuori classifica, merita davvero il video qua sotto, che documenta alcune spettacolari imprese sportive.



Sembra così remota l'epoca in cui le ingombranti enciclopedie cartacee erano l'unico strumento più o meno a portata di mano per trovare una risposta ai quesiti più disparati: la nostra irrimediabilmente antiquata Rizzoli Larousse langue in disuso dentro un mobiletto, tanto ormai oltre a Google c'è Wikipedia. Il fatto che l'enciclopedia online per antonomasia si possa aggiornare in modo facile e tempestivo la rende utilissima per cercare informazioni – la cui attendibilità non è proprio garantita al 100% ;-) – non soltanto su argomenti per così dire enciclopedici, ma pure sull'attualità.



A proposito di attualità, Spinoza ha riassunto a modo suo il 2015... e la sottoscritta ha scelto una battuta per ciascun mese.
  1. Elezioni in Grecia, trionfa Tsipras. È il più grande successo della sinistra italiana dai tempi di Zapatero in Spagna.
  2. L’Isis minaccia gli italiani con un comunicato di sessanta pagine. Evidentemente non ci conoscono così bene.
  3. L’Isis vandalizza un sito archeologico. Pensate che delusione quando arriveranno a Pompei.
  4. Sui social centinaia di italiani hanno gioito per la strage di migranti. Poi sono andati a messa.
  5. Alfano vorrebbe far lavorare gratis i migranti. Non solo il lavoro, ci rubano pure gli stage!
  6. Family Day, un milione in piazza secondo gli organizzatori. Va detto che considerano gli spermatozoi esseri viventi.
  7. Salvini all’Europarlamento con la maglietta “No Euro”. Glielo scriverei nella prossima busta paga.
  8. Debora Serracchiani: “Se cadiamo, le alternative sono Grillo e Salvini”. Che poi è il motivo per cui non cadete.
  9. È morto Pietro Ingrao, storico militante di sinistra. Quindi ha anche smesso di soffrire.
  10. Il Vaticano chiede le dimissioni del monsignore gay. Ora vai a capire quale.
  11. Salvini sfida l’Isis: “Ho fatto un anno di servizio militare”. Aggiungi un anno di judo e si arrendono.
  12. L’Inps: “I trentenni di oggi andranno in pensione a 75 anni”. Quindi da vecchi i cantieri li vedremo da dentro.
Sei il tipo di persona che non esce di casa se prima non ha letto l'oroscopo del giorno? È bene che tu sappia che nemmeno quest'anno gli astrologi ci hanno azzeccato granché: come da tradizione ormai ventennale, il CICAP è andato a caccia delle sviste più clamorose nelle previsioni dei veggenti per il 2015.
Stasera andrà in onda a reti unificate il discorso di fine anno del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che rischia di costituire una seria minaccia al proposito di rimanere svegli almeno fino a mezzanotte... ; -) Decisamente più spumeggiante il discorso dei bambini davanti alle videocamere di The Jackal! :-)



La vignetta qui sotto mostra che subito dopo il termine del countdown tutti quanti tornano a smanettare con il cellulare...


... ma io intendo fare di peggio, anzi è il caso di dire di meglio, con un brindisi in videochiamata Skype! <3 Ma come diamine facevano, gli innamorati a distanza, prima che venissero inventati gli smartphone?! ;-)

Nessun commento:

Posta un commento