Loading

domenica 5 luglio 2015

Melodie a sorpresa

Il canto degli uccelli – non proprio di tutti, penso per esempio ai gabbiani – è melodioso di per sé... ma qualcuno ha trovato un altro modo per ricavare una melodia dai volatili. O meglio dalle posizioni con cui alcuni di essi si erano appollaiati su dei fili elettrici: come si nota dall'immagine qui accanto erano cinque, i fili, quasi a formare un estemporaneo pentagramma che aspettava soltanto che vi si depositassero i pennuti per tramutarsi idealmente in note musicali. Beh, questo qualcuno si chiama Jarbas Agnelli, è di San Paolo del Brasile, e il brano Birds on the Wires che è nato dalla sua intuizione costituisce la colonna sonora del bellissimo video qui sotto.


Ecco la genesi del video raccontata dall'autore stesso nella relativa descrizione.
Leggendo il giornale una mattina, ho visto questa immagine di uccelli sui fili elettrici. Ho ritagliato la foto e ho deciso di farne una canzone, usando le posizioni esatte degli uccelli come note. Ero solo curioso di sentire quale melodia stessero creando quegli uccelli.
Questo lavoro è stato basato sulla foto originale, non ritoccata, pubblicata in uno dei più grandi quotidiani brasiliani, "O Estado de São Paulo", il 27 agosto 2009, e scattata da Paulo Pinto.
Nota: ho soltanto cancellato gli uccelli per creare un effetto, alla fine, ma non ho assolutamente cambiato le loro posizioni. Quale sarebbe lo scopo, del resto?
P.S.: Per questo post ho preso spunto da The Mind Unleashed.

Nessun commento:

Posta un commento