Loading

giovedì 15 novembre 2012

Una ragione di più per scegliere LibreOffice

Siccome oggi è finalmente capitato che mi tornasse utile, colgo l'occasione per condividere sul blog una cosa che ho imparato assistendo al talk di Fabio Riccio su Mageia nel corso del LinuxDay organizzato il 27 ottobre scorso dal Telug presso l'Istituto Tecnico "Pascal" di Teramo. Sto parlando di un modo semplice e soprattutto gratis [altro che Adobe Acrobat! ;-)] per apportare modifiche a documenti in formato PDF mantenendone inalterato (o quasi) il layout.
Tutto quello che ti occorre è LibreOffice Draw, uno dei programmi che fanno parte della suite per ufficio libera e open source LibreOffice. Devi semplicemente usarlo per aprire il PDF che ti interessa ritoccare: te lo ritroverai tutto "scomposto" in caselle di testo che potrai modificare, aggiungendone eventualmente di nuove se necessario. Forte, vero? :-) Potrai salvare la versione aggiornata selezionando Esporta nel formato PDF... dal menu File e poi cliccando su Esporta, mentre il file originario rimarrà intatto. L'unica limitazione è che il metodo è applicabile soltanto a file non protetti, comunque... shhh, non dirlo a nessuno, ma mi risulta che in Rete di programmini per rimuovere le protezioni se ne trovino a iosa! ;-)
Ogni occasione è buona per ribadire che nella stragrande maggioranza delle situazioni il mondo del software libero presenta alternative validissime alle soluzioni proprietarie. Per risultare più credibile, menzionerò un paio di difettucci che LibreOffice presenta rispetto a Microsoft Office, che acquistai anni fa nell'edizione Home and Student 2007 prima di scoprire OpenOffice, di cui LibreOffice rappresenta un fork nato in seguito all'acquisto di Sun Microsystems da parte di Oracle. LibreOffice è decisamente più lento ad avviarsi, e trovo che il suo editor di equazioni lasci un tantino a desiderare. Ben poca cosa, se si considera che LibreOffice è del tutto gratuito mentre Office bisogna pagarlo profumatamente, a meno (non sia mai!!!) di procurarselo piratato... :-)

Nessun commento:

Posta un commento