Loading

giovedì 15 giugno 2017

Ma chi glielo fa fare?! Ecco chi...

Stamattina mi sono imbattuta per caso in un testo divenuto virale qualche mese fa, pubblicato nella pagina Facebook Love What Matters e scritto da Billy Flynn, un papà di Boston. Ecco qui di seguito la traduzione.
Oggi è il compleanno della mia ex moglie, così mi sono alzato presto e le ho portato dei fiori e dei bigliettini e un regalo che i bambini potessero darle, e li ho aiutati a prepararle la colazione. Come al solito qualcuno mi ha domandato perché diavolo faccio ancora tutto questo per lei. [Già, perché lo fai? Starai mica cercando di riconquistarla?, è la tipica domanda che la gente si pone a questo punto, NdC] Ciò mi dà fastidio. Quindi vi svelerò il perché.
Sto crescendo due piccoli uomini. L'esempio che do del modo in cui tratto la loro mamma determinerà in maniera significativa il modo in cui vedono e trattano le donne e influenzerà la loro percezione delle relazioni. A maggior ragione nel mio caso, dal momento che siamo divorziati. [Non è così frequente mantenere rapporti civili con l'ex dopo il divorzio, nemmeno quando ci vanno di mezzo delle creature innocenti, perciò tanto di cappello a Billy, NdC] Quindi, se non stai dando un buon modello di comportamento di relazione ai tuoi figli, piantala di cazzeggiare [l'originale, get your shit together, suona forse ancora più volgare, NdC]. Sii superiore e da' il buon esempio. Questa è una cosa più grande di te.
Cresci degli uomini buoni. Cresci delle donne forti. Per favore. Il mondo ne ha bisogno, ora più che mai.
Il racconto è talmente zuccheroso che mi pare difficile crederlo autentico al cento per cento... ma il suo significato è senza dubbio edificante. Se i papà non insegnano ai maschietti a trattar bene e rispettare le donne, e magari suggeriscono loro che umiliarle e disprezzarle è un segno di virile superiorità, non ci si può stupire più di tanto se da grandi alcuni di loro diverranno protagonisti in negativo delle tristi notizie di violenza fisica e psicologica che quotidianamente affollano le cronache.

Nessun commento:

Posta un commento