Loading

mercoledì 7 giugno 2017

Che qualcuno lo fermi!

Il 22 aprile scorso ho assistito a un'interessante conferenza tenuta dal meteorologo e climatologo Luca Mercalli in occasione della Giornata della Terra e della Marcia per la Scienza. Dopo che di recente Donald Trump ha annunciato la decisione di uscire dall'accordo di Parigi sul clima siglato nel 2015 ero curiosa di conoscere l'opinione di Mercalli al riguardo, e questo breve servizio del Tg3 ha soddisfatto la mia curiosità. Nulla che non potessi aspettarmi, in effetti...
Non altrettanto scontata, almeno per me, è stata la dura presa di posizione di Arnold Schwarzenegger, uno che a poco più di due mesi da questo post che gli ho dedicato continua a guadagnar punti nella mia stima. Nel video qui sotto "Schwarzy" spiega a Trump perché adottare una politica rispettosa dell'ambiente non sia soltanto doveroso per tutelare la salute del pianeta e dei suoi abitanti, ma alla lunga si riveli anche una scelta vincente per far crescere l'economia.


Ecco la traduzione di quello che dice l'ex governatore della California, ormai tornato al cinema. Posso dire che è un po' un peccato? :-)
Un solo uomo non può distruggere il progresso. Un solo uomo non può fermare la rivoluzione dell'energia pulita. E un solo uomo non può tornare indietro nel tempo. Solo io posso farlo. [Rieccolo, il nostro eroe!!! ;-) NdC]
Il presidente Trump dice che intende uscire dall'accordo di Parigi sul clima. Il mio messaggio per lei, signor Presidente, è che, come pubblico servitore e soprattutto come presidente, la sua prima e più importante responsabilità è quella di proteggere la gente. 200mila persone muoiono ogni anno negli Stati Uniti a causa dell'inquinamento atmosferico, e la metà dei nostri fiumi e corsi d'acqua sono troppo inquinati per la nostra salute. Non possiamo rimanere fermi a non far nulla mentre la gente si ammala e muore, specialmente quando si sa che esiste un'altra strada.
Signor Presidente, so che può essere più facile e comodo guardare indietro. E per molte persone il passato che conosciamo è meno spaventoso del futuro che non conosciamo. Ma alcuni di noi sanno com'è il futuro dell'energia pulita. E non è affatto spaventoso. Lo abbiamo visto nelle città e negli Stati e in tutto il mondo. Di fatto sappiamo che il futuro dell'"energia sporca" con asma, enfisema e cancro è molto, molto più terrificante. Allora per favore, signor Presidente, scelga il futuro.
Nessuno si ricorda le persone che dissero al presidente Kennedy di non andare sulla Luna. Ricordiamo i grandi leader. I grandi leader che non camminano all'indietro nel passato, ma che guardano avanti verso il futuro.
Vede, la gente si solleverà. I governi locali e statali si solleveranno. Altri leader dei governi locali si solleveranno e riempiranno il vuoto che lei sta creando. Come tutti i grandi movimenti della storia umana, il nostro futuro pulito inizia con un movimento di gente comune nelle nostre comunità, nelle nostre città e nei nostri Stati.
Il 70% delle nostre emissioni inquinanti può essere controllato a livello statale e locale. Non possiamo lasciare che sia Washington a dirigere, no. Dobbiamo farlo noi. Di fatto, quando ero governatore della California e Washington non riuscì a dirigere, superammo le più severe regole ambientali del nostro Paese. E la nostra economia adesso è in piena espansione. Oggi siamo i numeri 1 nel proteggere il nostro ambiente e siamo i numeri 1 nella crescita economica. Abbiamo l'aria e l'acqua più pulite, e abbiamo anche più posti di lavoro di qualsiasi altro Stato. Abbiamo creato più posti di lavoro lo scorso anno rispetto al secondo e al terzo Stato messi insieme.
Proteggere l'ambiente non distruggerà la nostra economia. La morale della favola è che le grandi politiche ambientali fanno il contrario. Rivitalizzano l'economia.
Condividi questo video se pensi che sia il momento di cominciare una rivoluzione della gente comune per salvare il nostro pianeta.
A proposito, da' un'occhiata alle fotografie pubblicate dalla NASA per documentare gli effetti dei cambiamenti climatici sul nostro pianeta. Direi che c'è poco da stare tranquilli, non trovi anche tu?
[L'immagine che apre il post, e che parafrasa Make America Great Again, lo slogan elettorale di Trump, è stata pubblicata su Facebook dal neo-presidente francese Emmanuel Macron, il quale così facendo ha guadagnato pure lui un bel po' di punti nella mia personale classifica! :-)]

Nessun commento:

Posta un commento