Loading

venerdì 23 giugno 2017

Giocando coi titoli dei film

Qualche giorno fa Ettore Ferrini, collaboratore de Il Vernacoliere, ha lanciato sulla sua bacheca Facebook un gioco cinematografico che a me personalmente è piaciuto parecchio: scrivere il titolo di un film senza usare le parole originali. Il primo esempio da lui enunciato era:
Taluno planò sopra la dimora d'un volatile dal verso ripetitivo.
Qui di seguito riporto alcune tra le creazioni migliori emerse dalla discussione:
  • C'è chi lo ama ad alte temperature
  • Persino gli abitanti del paradiso ingurgitano legumi
  • H3AsO4 e vetusti tessuti ottenuti intrecciando fili di lino
  • Figli di dubbia paternità privi di soddisfazione
  • Notevole problema nel quartiere abitato dalla comunità asiatica
  • Il vademecum della Via Lattea fatto apposta per chi chiede di fare un tratto del viaggio ad altre persone dotate di mezzo di locomozione personale
  • L'assenza di luce al di là della barriera di arbusti
  • Il medico dall'affettuosità strampalata – Oppure: in che modo ho appreso a non inquietarmi e a voler bene all'ordigno
  • Cerca di rispondere esattamente al quesito circa la persona che sarà presente alla consumazione dell'ultimo pasto della giornata
  • Il volatile con una livrea di materiale trasparente pregiato ma molto fragile
  • Il primate che bisbigliava ai quadrupedi
  • Le indicazioni da rispettare della costruzione in cui si produce la bevanda alcolica a base di succo di mele
  • Rinnovato locale dove riproducono pellicole cinematografiche il quale ha il nome dell'Empireo
  • Sostenevo si trattasse d'un sentimento di viva affezione ma era un barroccio
  • Bacche di solanacee acerbe cotte in olio bollente al luogo in cui un mezzo di trasporto pubblico su binari si ferma per permettere la salita e la discesa dei passeggeri
  • Lascio in tutta fretta l'agglomerato urbano – L'esistenza prima della morte, il grande trasporto sentimentale verso una persona e i bovini femmine
  • Massacrami ma apponi molte volte le tue labbra sul mio corpo fino a che non ne ho più voglia
  • Investiti da un singolare fato nelle cerulee acque dell'ottavo mese dell'anno
  • Ogni cosa di ciò che avete desiderato conoscere a proposito dell'amore carnale (che però vi siete sempre peritati di domandare)
Nel caso in cui non fossi riuscito a trovare tutte le soluzioni, eccotele qui:
  • Qualcuno volò sul nido del cuculo
  • A qualcuno piace caldo
  • Anche gli angeli mangiano fagioli
  • Arsenico e vecchi merletti
  • Bastardi senza gloria
  • Grosso guaio a Chinatown
  • Guida galattica per autostoppisti
  • Il buio oltre la siepe
  • Il dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba
  • Indovina chi viene a cena?
  • L'uccello dalle piume di cristallo
  • L'uomo che sussurrava ai cavalli
  • Le regole della casa del sidro
  • Nuovo Cinema Paradiso
  • Pensavo fosse amore... invece era un calesse
  • Pomodori verdi fritti alla fermata del treno
  • Scappo dalla città – La vita, l'amore e le vacche
  • Straziami ma di baci saziami
  • Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto
  • Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso (ma non avete mai osato chiedere)
Non ho fatto in tempo a preparare questo post che Ettore ha lanciato un altro gioco, quello dei film al contrario... ma in questo caso il piacere di spulciare la discussione lo lascio a te! :-)

Nessun commento:

Posta un commento