Loading

mercoledì 23 maggio 2012

Oggi su Google si strimpella!

Tempo fa, mentre sfogliavo il vecchio vocabolario di casa in cerca di parole inconsuete da usare per il gioco dell'impiccato che stavo programmando in BASIC per il Commodore 64, mi imbattei nel lemma moog, così definito: «Nome commerciale di uno strumento musicale elettronico molto complesso in grado di produrre ogni tipo di suono e di effetto sonoro». Ignoravo però che tale vocabolo avesse origine da un nome proprio, o meglio da un cognome: l'ho scoperto solamente oggi, quando ho visto il magnifico doodle rilasciato da Google in occasione del settantottesimo anniversario della nascita di Robert Moog, scomparso nel 2005. Costui era un ingegnere elettronico statunitense, inventore dell'omonimo sistema di sintetizzatori che ha rivoluzionato il mondo della musica. Uno dei più grandi successi discografici suonati interamente con il Moog è l'album Switched-On Bach di Wendy Carlos.


Come si può notare confrontando la foto a corredo dell'ottimo post al riguardo pubblicato da Riccardo su Back to Blog con il doodle odierno, quest'ultimo riproduce fedelmente un Minimoog nell'aspetto... ma non solo: la cosa fantastica è che non si tratta di una semplice immagine, ma di un doodle interattivo che si può suonare veramente, regolando a proprio piacimento i vari controlli (le manopole girano!) e persino registrando su quattro tracce e condividendo in Rete le proprie creazioni. Su Webnews ho trovato, oltre a un post dedicato al doodle in sé, pure il link a una guida su come suonarlo. Segnalo anche un video esplicativo.
Mi sa che passerei le prossime ore a divertirmici, se solo non stessi per uscire. Mi aspetto comunque che un simile gioiellino rimanga disponibile anche in futuro su questa pagina, com'è già accaduto a suo tempo per il doodle che celebrava il trentesimo anniversario di Pac-Man.
Molti avrebbero ritenuto più opportuno che oggi Google optasse per un doodle come questo qui sotto...


... ma tanto non c'è bisogno di questo per ricordare cosa accadde esattamente vent'anni fa, giusto?

Nessun commento:

Posta un commento