Loading

sabato 19 aprile 2014

Lasciami sfogare!!!

Quando mi accade qualcosa di spiacevole, sono solita cercare conforto sfogandomi con le persone che mi sono più vicine, se non fisicamente almeno spiritualmente. A volte costoro, dopo avermi ascoltata, con l'intento di consolarmi mi raccontano qualcosa di simile, se non ancora più grave, che in un passato più o meno recente è capitato a loro o a qualcuno che conoscono. E senza dubbio questo mi è di aiuto per ridimensionare l'importanza di ciò che mi è successo, a guardarlo secondo una prospettiva meno catastrofica, e a pensare più positivo.
Però a volte mi sento come se tali reazioni avessero l'intento di mettere a tacere le mie non certo immotivate lagnanze, per la serie «Con quale coraggio ti lamenti, visto che a me/alla mia vicina/ammiocugggino è successo questo e quest'altro?!». L'ultimo caso in ordine di tempo: lunedì scorso mi è capitato un inconveniente a dir poco fastidioso che ha dato inizio a una vera e propria settimana di passione... nell'accezione 2 del termine, ahimè. :-/ Tutto sommato nulla di veramente irrimediabile, "solo" un'infinità di seccature dal punto di vista pratico. E ancora non riesco a liberarmi dall'ansia, dal nervosismo e dalla rabbia – anche nei confronti di me stessa, ché avrei dovuto essere più prudente – suscitati in me dall'accaduto. Beh, le persone che erano con me in quell'occasione successivamente hanno fatto a gara – in una chat di gruppo su WhatsApp così attiva che a un certo punto ho dovuto silenziarla – nel farmi notare che avrebbe potuto andarmi peggio, che a tutto c'è rimedio, che le cose materiali a differenza degli affetti si recuperano... e soprattutto nel raccontare disavventure analoghe capitate a loro e tali da far accapponare la pelle, roba che alla fine ho concluso «Vabbè, a questo punto non parlo più».
Se devo essere sincera, di tutte quelle sensate osservazioni il mio lato razionale è perfettamente consapevole: qualche anno fa arrivai a un passo dalla morte, figuriamoci... quindi non dovete venire a dirlo a me, che esistono problemi ben più seri. Però 'sta cosa mi è successa adesso, e per giunta mentre ero intenta a gestire varie altre fonti di stress che già facevo fatica a sostenere: insomma, più o meno la classica goccia che fa traboccare il vaso. Ho un bisogno di riposo che non hai idea, guarda...! E aspetto con trepidazione le mie prossime ferie, tra poco più di un mese... sperando che troverò il modo di mettere a frutto quella settimana per rigenerarmi almeno un po'. Uffa, ma non sarà ora che la ruota della vita cominci a girare nel modo giusto anche per me?!
[La foto della bambina che urla è tratta da Nonciclopedia]

Nessun commento:

Posta un commento