Loading

mercoledì 17 luglio 2013

Piccole comodità... ma non per tutti

In materia di telefonia mobile ho appena notato una stranezza, se così si può definire trattandosi invece con ogni probabilità di un fatto normalissimo, che comunque non mi era mai capitato di sperimentare.
Ero in giro e ho chiamato dal mio numero Tre il cellulare del mio medico curante, il quale è un cliente TIM, scoprendo che non era raggiungibile [era inarrivabile, come ho letto da qualche parte ;-)]. Mi ha risposto una voce femminile registrata dicendomi «TIM, messaggio gratuito. Il cliente da lei chiamato non è al momento raggiungibile. La invitiamo a riprovare più tardi. Grazie».
Non appena sono rientrata a casa, ecco la "geniale" pensata: ho preso il vecchio cellulare munito di scheda TIM che non porto più quasi mai con me, ho composto il numero del medico, ed ecco la risposta: «Servizio gratuito ChiamaOra di TIM. Il cliente non è al momento raggiungibile. Attendi in linea per richiamare senza costi aggiuntivi, altrimenti riceverai un SMS gratuito se il cliente tornerà raggiungibile entro 6 ore. Attendere, prego. [...] La prenotazione è stata registrata. ChiamaOra di TIM chiamerà per te la persona che hai cercato, e se tornerà raggiungibile entro 6 ore il tuo telefonino squillerà. Grazie per aver chiamato. A presto».
Ora, il quesito che mi pongo è il seguente: sarebbe tecnicamente così problematico rendere disponibile l'utilissimo servizio ChiamaOra anche per gli utenti che chiamano da altri operatori di telefonia mobile? Oppure si evita semplicemente di implementarlo, perché si tende a riservare certi privilegi (come pure i piani tariffari agevolati) agli utenti accomunati dallo stesso operatore, con lo scopo di fidelizzare la clientela? Io una mia ideuzza me la sarei fatta. ;-) Tengo a precisare che non ho avuto modo di verificare se gli altri operatori diversi da TIM adottino politiche analoghe... ma, se così fosse, non me ne stupirei di certo.

P.S.: Simpatica, l'immagine che ho trovato per illustrare il post, vero? Se vuoi ingrandirla cliccaci sopra, altrimenti eccoti la traduzione di quello che c'è scritto: «Nokia 3310 [uno dei miei telefonini "storici", mi è rimasto nel cuore, NdC]: caricalo una volta al mese [adesso non esageriamo!, NdC], non si romperà mai [in effetti... se non mi si fosse bagnato sotto un diluvio, forse funzionerebbe ancora perfettamente, NdC]. Smartphone: caricalo ogni giorno, si romperà il più presto possibile».

Nessun commento:

Posta un commento