Loading

giovedì 18 luglio 2013

E un giorno potrò dire "Io NON c'ero"... :-(

La sera del 6 luglio scorso i Muse, il gruppo musicale alternative rock britannico per il quale esternai la mia adorazione già in uno dei miei primi post, hanno infiammato con la loro musica avvolgente e potente l'atmosfera dello Stadio Olimpico di Roma gremito. Tra quei sessantamila avrebbe dovuto esserci pure la sottoscritta, l'avevo anche preannunciato mesi fa... ma poi una sfortunata combinazione di circostanze una più spiacevole dell'altra mi ha costretta a rinunciare, per giunta troppo tardi per poter tentare di rivendere i biglietti e rifarmi almeno (magra consolazione) dal punto di vista finanziario. Adesso, colta da una sorta di masochismo, non so resistere alla tentazione di guardare su YouTube i filmati pubblicati dagli spettatori a testimonianza di uno spettacolo che dev'essere stato qualcosa di veramente indescrivibile. Ah, quanto avrei voluto essere lì per cantare a squarciagola «Our hopes and expectations / Black holes and revelations» sulle note di Starlight, quello che era ed è tuttora il mio pezzo preferitissimissimo in assoluto del repertorio della band capitanata da Matt Bellamy!!! Ecco qui sotto il video della performance live.


Uff, sento che il fatto di essermi persa questo show lo rimpiangerò finché campo... oppure, volendo essere ottimista, fino a quando non riuscirò ad assistere a un concerto dei Muse in una delle loro prossime tournée in Italia, o meglio ancora ad andare a sentirli all'estero (magari allo stadio di Wembley a Londra, oppure al Madison Square Garden di New York... in fondo sognare non costa nulla ;-)): sarebbe un'ottima opportunità per scoprire e visitare posti nuovi e meravigliosi ed ampliare la mia conoscenza diretta di un pianeta che per me è quasi del tutto inesplorato!

2 commenti:

  1. Il tempo ti ha dato ragione anche senza andare troppo lontano ... (un po' sì :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se è per questo ci sarei andata lo stesso... Diciamo che ho preso due piccioni con una fava! ;-) :-*
      A questo punto mi accontento di tornare a sentire i Muse solo un'altra volta nella vita... però in uno stadio, uno qualsiasi. :-)

      Elimina