Loading

mercoledì 7 agosto 2013

Ciao ciao mondo! :-)

Alzi la mano chi, partendo per un viaggio in auto, in pullman o in treno, non si è mai voltato indietro, notando come le case, gli oggetti e gli elementi naturali che si lasciava alle spalle diventassero via via sempre più piccoli man mano che procedeva. Ma ti sei mai chiesto che effetto farebbe guardarsi indietro sfrecciando via dal pianeta Terra? Un'idea può dartela il breve video qui sotto, pubblicato dalla NASA come Astronomy Picture of the Day del 5 agosto scorso con il titolo Leaving Earth.


Ed ecco qui di seguito la traduzione della relativa spiegazione.
Come sarebbe lasciare il pianeta Terra? Tale evento è stato registrato visivamente in dettaglio dalla sonda MESSENGER [acronimo di MErcury Surface, Space ENvironment, GEochemistry and Ranging, NdC] mentre si allontanava dalla Terra, otto anni fa, nel suo viaggio verso il pianeta Mercurio. La Terra può essere vista ruotare in questo video in time-lapse mentre si fa sempre più distante. La metà della Terra illuminata dal Sole è così luminosa che le stelle sullo sfondo non sono visibili [Phil Plait spiega qui questo fenomeno usato spesso dai lunacomplottisti nei loro maldestri tentativi di dimostrare che lo sbarco dell'uomo sulla Luna non è mai avvenuto, NdC]. La sonda robotica MESSENGER è ora in orbita attorno a Mercurio ed ha recentemente concluso la prima mappa completa della superficie. Per l'occasione, MESSENGER ha continuato a sbirciare il suo pianeta "natio". MESSENGER è una delle poche cose create sulla Terra che se ne è andata e non tornerà mai più: al termine della sua missione MESSENGER si schianterà sulla superficie di Mercurio.
Non tornerà mai più... Inquietante, vero? Anche se il fatto che concluda la sua missione sfracellandosi sul suolo del "vicino" Mercurio (secondo Wolfram|Alpha, attualmente la distanza del pianeta dalla Terra è di "appena" 162,5 milioni di chilometri) anziché perdersi nello spazio profondo toglie a questa immagine un po' del suo fascino sinistro...

Nessun commento:

Posta un commento