Loading

lunedì 5 agosto 2013

Alla ricerca della felicità

Giorni fa una mia compagna di escursioni con il CAI di Pescara ha condiviso su Facebook il video che documenta una delle strabilianti imprese di Kílian Jornet. Il 18 settembre 2012 lo scialpinista e skyrunner spagnolo specializzato nell'ultratrail ha compiuto in solitaria la traversata del Monte Bianco per la cresta dell'Innominata in appena 8 ore, 42 minuti e 57 secondi; dopo essere partito da Courmayeur alle 3:53 del mattino, ha raggiunto la cima del Tetto delle Alpi in 6 ore e 17 minuti ed infine è arrivato a Chamonix dopo altre 2 ore e 19 minuti, affrontando un dislivello in salita di 3810 metri ed effettuando un percorso lungo 42 chilometri.


Di questo video mi colpisce la magnificenza dello scenario naturale, la straordinarietà dell'impresa e l'agilità e potenza con cui l'atleta affronta il percorso. [Io purtroppo non posso aspirare ad emulare neppure lontanamente simili performance, dal momento che trovo impegnativo perfino l'escursionismo di livello abbastanza semplice; di recente mi è stata data la conferma che, per quanto io possa allenarmi, anche prestazioni normali per i miei coetanei rimarranno sempre al di fuori della mia portata. :-(] Ma sono degne di nota anche le frasi pronunciate da Jornet in questo video, per questo ne riporto qui di seguito la traduzione in italiano, evidenziando le parti che reputo maggiormente significative.
Il prezzo da pagare è molto alto. Il dolore è enorme. In questo momento, per le persone che lo amavano, è davvero doloroso. [Si riferisce alla tragica scomparsa del compagno d'avventure Stéphane Brosse sull'Aiguille d'Argentière] Vedere che lui non c'è ... ma se mi chiedete se avremmo potuto cambiare qualcosa, non credo che avremmo fatto nulla di diverso. Si deve perseguire la felicità nella vita, bisogna cercarla e trovarla facendo le cose che si amano, le cose che ci fanno sentire vivi. La vita non è qualcosa da preservare o proteggere, va esplorata e vissuta in pienezza. E per viverla appieno abbiamo bisogno di stare in montagna, di stare qui, e se paghiamo un prezzo così alto, a volte, è perché stiamo davvero vivendo la vita al massimo.

Nessun commento:

Posta un commento