Loading

mercoledì 14 agosto 2013

A proposito di libri "virtuali"


Sei un aspirante lettore pieno di buoni propositi ma troppo indeciso, uno di quelli che entrano in libreria, prendono in mano un volume che per qualche motivo (copertina, titolo, autore...) li ha colpiti, lo sfogliano, danno un'occhiata all'incipit, lo rimettono a posto e così via... per poi andarsene senza magari aver comprato nulla? Beh, ti segnalo un'app per dispositivi mobili che ti permette di fare qualcosa di analogo ovunque ti trovi, e senza dover subire le occhiatacce del libraio! ;-) Si chiama BookExtracts, è disponibile per Android e [massì, diciamolo ;-)] pure per iOS, e raccoglie le schede di migliaia di libri: da ciascuna di esse è possibile scaricare l'estratto delle prime pagine, nonché procedere direttamente all'acquisto in formato cartaceo o digitale.
Tra i libri proposti c'è pure Via Chanel N° 5 di Daniela Farnese alias Dottoressa Dania, che ho letto in formato cartaceo l'anno scorso. Anche se da una blogger così brillante nello scrivere mi sarei aspettata qualcosa di più audace (suppongo che si sia adeguata alle richieste dell'editore), nel suo genere – diciamo quello di I Love Shopping, ma più piacevole – ho davvero apprezzato il suo romanzo. A tal punto che, quando poco tempo fa è stato pubblicato Un'estate con le amiche, l'ho scaricato da Libri su Google Play senza pensarci due volte: del resto costava appena 99 centesimi... Segnalo comunque che lo store è ricchissimo di interessanti proposte gratuite.
Il libricino (64 pagine, romanzo breve o racconto lungo?) di Dania l'ho letto ieri sullo schermo del mio tablet nel giro di un'oretta. Forse avrei dovuto prendermela con più calma, ma la storia era talmente avvincente... Man mano che andavo avanti scoprivo sempre nuovi dettagli sulle quattro protagoniste, imparavo a conoscerne le diverse personalità ben delineate, ad affezionarmi a loro e a immedesimarmi; in particolare nel personaggio di Alessandra, ma anche un po' in quello di Michela. Sicuramente lo rileggerò... tanto ormai l'ho scaricato per la lettura offline, e chi me lo tocca? :-)
Google Play Libri non è l'unica app di cui dispongo per leggere gli e-book nei vari formati disponibili: vale la pena di segnalare Aldiko, che per il mio vecchio HTC Wildfire era troppo "pesante" (dovevo accontentarmi della più spartana FBReader), ma sul Galaxy Tab e sul Galaxy S III mini gira a meraviglia. C'è poi l'app di Kindle per leggere i libri scaricabili da Amazon, molti dei quali sono gratuiti.
Leggendo questo post potrebbe sembrare che io sia già perfettamente assuefatta agli e-book... e invece no, tutt'altro: Un'estate con le amiche è stato il primo libro che ho letto per intero su uno schermo anziché sulla carta. Sono talmente abituata a considerare un libro come un oggetto fisico, con le sue dimensioni, la sua consistenza, il fruscio delle pagine, in qualche caso le sensazioni olfattive [ah, il famoso odore della carta! ;-)], che ero convinta che la mia mente si sarebbe in qualche modo rifiutata di accettare il formato elettronico: e invece questo primo "esperimento" è perfettamente riuscito. Se poi penso che tutti i libri che ho in casa potrebbero stare comodamente confinati in una scheda di memoria da pochi giga, cadono anche le ultime perplessità. La lettura sullo schermo del tablet non mi ha dato alcun problema, ho notato che, sebbene lo smartphone abbia uno schermo decisamente più piccolo, anche la sua leggibilità è di tutto rispetto... ma secondo molti, tra i quali Rudy, leggere libri elettronici su dispositivi dedicati come appunto gli e-book reader è tutta un'altra cosa, soprattutto (ma non solo) in termini di comfort visivo. Se diventerò un'accanita consumatrice di e-book, valuterò l'opportunità di acquistarne uno.
La questione del futuro dei libri, e di se e quanto sopravvivrà il formato cartaceo, è molto dibattuta. È dell'anno scorso la notizia che non si stamperà più la prestigiosa Enciclopedia Britannica, dalla plurisecolare storia, e secondo lo scrittore Jonathan Franzen gli e-book sarebbero dannosi per la società: addirittura! Come andrà a finire? Lo scopriremo solo vivendo... :-)
[L'immagine che apre il post – cliccaci sopra per ingrandirla – è una vignetta di Stephen Collins che ha provato a immaginare come si saranno evoluti gli e-book reader tra qualche decennio]

Nessun commento:

Posta un commento