Loading

giovedì 14 febbraio 2013

Chiudete il Festival, abbiamo i vincitori!

La prima serata del Festival di Sanremo 2013 targato Fabio Fazio è stata caratterizzata dalle polemiche scatenatesi riguardo all'intervento del comico Maurizio Crozza (che a me personalmente non fa più nemmeno ridere, e stavolta ha fatto davvero del suo peggio). Ma ieri sera, finalmente, il palcoscenico del celebre Teatro Ariston è stato appannaggio della vera protagonista: la MUSICA! :-) Ultimi dei sette Campioni in scaletta, si sono esibiti Elio e le Storie Tese, i quali hanno confermato di essere tra i migliori musicisti italiani sulla piazza eseguendo due brani: Dannati Forever, che si è fatta notare soprattutto per il testo e per i costumi (vedi foto sopra, tratta da Televisionando), e La canzone mononota. Il regolamento di quest'anno prevedeva che rimanesse in gara un solo brano fra i due proposti, e la votazione (50% televoto e 50% Giuria della Stampa del Festival) ha premiato La canzone mononota. Un autentico capolavoro di genialità: come osservato da Andrea Laffranchi del Corriere che l'aveva ascoltata in anteprima, «La canzone mononota (voto 9!) è veramente così. Elio canta soltanto una nota [per la precisione un do, NdC], fra accelerazioni, cambi di ritmo, arrangiamento e atmosfera, ma è tutt’altro che noia: sotto è un fiorire di suoni sorprendente». Speriamo che la votazione finale (50% televoto e 50% Giuria di Qualità), unita a quelle delle serate precedenti, tributi quest'anno agli Elii il riconoscimento ingiustamente negato loro nel 1996 con La terra dei cachi...
Alla fine del brano Elio canta:
La canzone mononota
Ha avuto i suoi antesignani
Uno su tutti: Rossini, Bob Dylan, Tintarella di luna
È anche facile da fischiettare
Democratica, osteggiata dalle dittature
Fateci caso: l'inno cubano è pieno di note
C'è poi il samba di una nota sola
Ma, se ascolti attentamente, dopo un po' cambia:
Jobim non ha avuto le palle di perseguire un obiettivo
Non ci ha creduto fino in fondo
Invece noi
Ed ecco i link alle musiche menzionate da Elio (a parte quella attribuita a Bob Dylan, ché non sono ancora riuscita ad individuarla):
Ma gli Elii sono troppo oltre!!! ;-)

Nessun commento:

Posta un commento