Loading

mercoledì 15 settembre 2010

L'importanza di essere sempre raggiungibili

Anche se la mia frequentazione degli edifici religiosi per finalità non soltanto turistiche ha registrato un netto calo da un po' di tempo a questa parte, trovo ugualmente assai criticabile la diffusa abitudine a scordare il telefonino acceso (ma davvero si tratterà di una semplice dimenticanza...?) quando ci si trova in chiesa: voglio dire, attivare almeno la modalità silenziosa con vibracall sarebbe già un'ottima soluzione... eppure non c'è una volta che mi trovi a messa senza che si senta lo squillo di un cellulare, magari in un momento di particolare raccoglimento. E i semplici trilli di una volta sono stati soppiantati da suonerie polifoniche di ogni genere: per dire, a un certo punto della cerimonia nuziale alla quale ho partecipato l'altro giorno, nella navata è risuonata per qualche istante la sigla di Occhi di gatto... :-S
Giorni fa, navigando per social network, mi sono imbattuta nell'immagine di un cartello affisso in una chiesa, e mi ha colpita a tal punto che l'ho immediatamente "retumblerata". Eccola:

 
Cercando con Google quella scritta, «Il Signore comunica con noi in tanti modi ma certo non vi chiamerà mai al telefono, quindi... tenetelo spento», sono approdata a una raccolta di barzellette sui telefoni cellulari. Alcune sono piuttosto datate, ma sempre spassose. Mi diverte soprattutto la numero 60 [warning: turpiloquio! ;-)], quella sulla cosiddetta "scrittura facilitata". In effetti, a chi non è mai capitato di accorgersi che il proprio cellulare "conosce" parole arcaiche o desuete ignorandone altre di uso ben più comune? Per dire, entrambi i miei telefonini prendono letteralmente fibraig per fiaschi, nel senso che, digitando 3427244 sulla tastiera con la modalità T9 attivata, la parola che compare è appunto fibraig (?!)... e niente da fare, non ci sono suggerimenti alternativi. D'altronde un termine che nel dizionario incorporato non manca è ad esempio l'aggettivo anticostituzionale, che non molti userebbero in un sms, se non altro perché richiede ben diciotto caratteri (più spazi) e mal si presta ad abbreviazioni... :-)

2 commenti:

  1. Bisogna pur ammetterlo: è molto creativo chi ha scritto quel cartello...

    RispondiElimina
  2. Il cartello rende bene l'idea :-)

    RispondiElimina